È avellinese il “più bello d’Italia originale 2019”

La 40esima edizione nazionale de “Il più bello d’Italia” ha visto trionfare l’avellinese Dimitri Simone Marotti, studente 18enne, atleta di taekwondo.

Dimitri Simone si è aggiudicato l’ambita fascia de “Il più bello d’Italia originale 2019”, in passato vinta da personaggi ora conosciuti nel mondo dello spettacolo, da Gabriel Garko a Beppe Convertini, da Ettore Bassi a Giorgio Mastrota e Simone Bonaccorsi.

A presiedere la giuria tecnica il presidente del Coni provinciale di Avellino, Giuseppe Saviano.

Nominato ex aequo, con il titolo di Più bello del 2019 è Edoardo Santini, 17 anni anni di Castel Fiorentino, attore emergente.  

Ultimi Articoli

Top News

Covid, Boccia “Governo accanto a Sardegna”. Solinas “Noi sotto attacco”

13 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Si accende la polemica tra Governo e Regione Sardegna, dopo la nuova ordinanza del governatore Solinas. “Sulla Sardegna c’è tanta propaganda politica e le conseguenze rischiano di pagarle i cittadini sardi”, afferma il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia.“Sui test la Regione Sardegna ha rifiutato diverse volte di […]

[…]

Top News

Coronavirus, 1.458 nuovi casi e 7 decessi nelle ultime 24 ore

13 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Sono 1.458 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia registrati nelle ultime 24 ore, 7 i decessi che portano il totale delle vittime a 35.610. Eseguiti 72.143 tamponi, per un totale di 9.818.118 da inizio emergenza. E’ quanto si legge nel bollettino del Ministero della Salute e della Protezione Civile di domenica […]

[…]

Top News

Pogacar vince la 15^ tappa del Tour ma Roglic è sempre più in giallo

13 Settembre 2020 0
GRAND COLOMBIER (FRANCIA) (ITALPRESS) – Slovenia sempre più padrona del Tour de France 2020. Tadej Pogacar vince la 15esima tappa – 174,5 chilometri con partenza da Lione e arrivo sul Grand Colombier – davanti al connazionale Primoz Roglic, sempre più leader della classifica generale. Una delle frazioni più dure dell’edizione numero 107 della corsa transalpina […]

[…]