Don Gnocchi: Proclamato lo sciopero per il 10 marzo

Si è svolta questo pomeriggio l’assemblea dei lavoratori della Fondazione Don Carlo Gnocchi – Polo Riablitativo Specialistico di Sant’Angelo dei Lombardi (AV) per decidere l’avvio della mobilitazione. La vertenza si trascina da oltre un anno a livello nazionale ed è culminata nel blocco delle trattative e della decisione unilaterale da parte della Fondazione Don Carlo Gnocchi di disdire il contratto collettivo nazionale di lavoro “AIOP-Sanità privata” e di applicare il contratto “Aris-Rsa”. I l…

Si è svolta questo pomeriggio l’assemblea dei lavoratori della Fondazione Don Carlo Gnocchi – Polo Riablitativo Specialistico di Sant’Angelo dei Lombardi (AV) per decidere l’avvio della mobilitazione. La vertenza si trascina da oltre un anno a livello nazionale ed è culminata nel blocco delle trattative e della decisione unilaterale da parte della Fondazione Don Carlo Gnocchi di disdire il contratto collettivo nazionale di lavoro “AIOP-Sanità privata” e di applicare il contratto “Aris-Rsa”. I lavoratori del Polo Riabilitativo Specialistico di Sant’Angelo dei Lombardi non ci stanno ed hanno dato mandato a queste Organizzazioni Sindacali di promuovere un pacchetto di iniziative a sostegno della mobilitazione che vanno da un volantinaggio agli utenti, alla predisposizione di striscioni, ma soprattutto, a mezzo della presente, proclamano 24 ore di sciopero da effettuarsi dalle ore 8,00 del 10 marzo alle ore 8,00 dell’11 marzo. Per due anni i lavoratori della Don Gnocchi hanno svolto 2 ore in più a settimana non retribuite, sacrificando anche 2 giorni di ferie, sulla base di un accordo di crisi che avrebbe dovuto scongiurare l’abbandono del contratto nazionale ed il ritorno alle 36 ore lavorative settimanali. Il tutto in nome di una crisi mai ufficializzata ed in ogni caso non dipendente dalla performance della struttura di Sant’Angelo dei Lombardi (AV). Il contratto che la Fondazione intende applicare si fa beffe dello sforzo dei lavoratori ed ufficializza in maniera definitiva le 38 ore lavorative a settimana. Da qui la mobilitazione per rivendicare l’applicazione del CCNL Aiop-Sanità Privata ed il conseguente ripristino del regime orario delle 36 ore .

Ultimi Articoli

Top News

Scuola, Bianchi “A settembre tutti in aula in sicurezza”

6 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Voglio riportare a settembre tutti gli studenti in aula e in sicurezza”. Così, in un’intervista a la Repubblica, il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi. “L’obiettivo è avere tutti gli studenti in presenza, anche quelli delle superiori. E per farlo il nostro primo problema è garantire la sicurezza. La scuola oggi ha bisogno di […]

[…]

Top News

Recovery, sindacati “Dal Governo impegno al confronto”

5 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Sul Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza i sindacati ottengono “l’impegno del governo ad affrontare” insieme “alcune questioni”, a cominciare dalla necessità “di definire il ruolo delle organizzazioni sindacali nella cabina di regia”. Lo ha detto il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, al termine di un incontro a Palazzo Chigi tra […]

[…]

Top News

Prestiti, moratorie ancora attive per 157 miliardi

5 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Le moratorie tuttora attive riguardano prestiti del valore di circa 157 miliardi, a fronte di 1,4 milioni di sospensioni accordate; superano quota 161 miliardi le richieste di garanzia per i nuovi finanziamenti bancari per le micro, piccole e medie imprese presentati al Fondo di Garanzia per le PMI. Attraverso Garanzia Italia di […]

[…]

Top News

Vaccini, Sileri “Seconda dose di Pfizer a 42 giorni un’opportunità”

5 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – La seconda dose dei vaccini Pfizer e Moderna entro 42 giorni “è un’opportunità. Io lo dissi già a gennaio all’inizio della terza ondata, cosi come altri scienziati, di fare come il modello inglese. Ora che stiamo vivendo la coda della terza ondata è stato chiarito che la seconda dose può essere prolungata […]

[…]