Dentecane, in classe al buio e al freddo: scatta la protesta

DENTECANE – Da settembre, da quando è iniziato l’anno scolastico i duecento studenti iscritti al liceo classico ‘Dionisio Pascucci’ di Dentecane, la maggiore frazione di Pietradefusi, non hanno la corrente elettrica nelle aule. Non possono usare i computer del laboratorio, né la lavagna multimediale né tantomeno il centro di documentazione. Un disagio paradossale causato dall’impresa che si era aggiudicata l’appalto per la messa in sicurezza dello storico stabile che ospita la prestigiosa…

DENTECANE – Da settembre, da quando è iniziato l’anno scolastico i duecento studenti iscritti al liceo classico ‘Dionisio Pascucci’ di Dentecane, la maggiore frazione di Pietradefusi, non hanno la corrente elettrica nelle aule. Non possono usare i computer del laboratorio, né la lavagna multimediale né tantomeno il centro di documentazione. Un disagio paradossale causato dall’impresa che si era aggiudicata l’appalto per la messa in sicurezza dello storico stabile che ospita la prestigiosa scuola e ha abbandonato il cantiere senza ultimare i lavori per carenza di fondi. Il dirigente scolastico, Virgilio Iandiorio, le ha tentate tutte in queste settimane per sollecitare il presidente della Provincia, Cosimo Sibilia, e sbloccare quei soldi necessari a portare avanti i lavori sospesi. Stesso disagio anche per gli uffici della segreteria che vanno in tilt a causa del sovraccarico di corrente. I black out sono scontati e quotidiani. Ci sono pochissimi punti-luce dove allacciare le prese di alimentazione dei computer e delle varie apparecchiature, e se funziona tutto contemporaneamente il rischio di mandare in blocco il sistema è concreto e immediato. Capita così tutti i giorni. In aula i liceali indossano sciarpe e maglioni pesanti perché fa freddo e si sente specie in quelle aule non esposte al sole. Stamattina scatterà la protesta degli studenti sotto Palazzo Caracciolo. I giovanissimi alunni del prestigioso liceo Pascucci manifesteranno con le candele accese in mano per sollecitare almeno il presidente Sibilia a fare qualcosa per la loro scuola che oltretutto è rimasta senza palestra sempre a causa dei lavori rimasti fermi. E come se non bastasse non sono state installate neppure le scale esterne di emergenza e le rampe d’accesso per i disabili.

Ultimi Articoli

Top News

Staffetta 4×100 in finale, Jacobs “Faremo grandi cose”

5 Agosto 2021 0
TOKYO (GIAPPONE) (ITALPRESS) – L’Italia conquista la finaleolimpica della staffetta 4×100 ai Giochi di Tokyo. Lorenzo Patta,Marcell Jacobs, Eseosa Desalu e Filippo Tortu hanno chiuso al 3°posto la seconda batteria correndo in 37″95, nuovo record italiano e quarto tempo di accesso alla finale. “Dove tengo la medaglia d’oro? Ancora nel letto insieme a me, ci […]

[…]

Top News

Milan sconfitto ai rigori dal Valencia in amichevole

4 Agosto 2021 0
VALENCIA (SPAGNA) (ITALPRESS) – Un altro pareggio dopo quello col Nizza per il Milan che prosegue la sua marcia di avvicinamento verso le prime gare ufficiali: 0-0 al Mestalla contro il Valencia, che si prende poi ai rigori il 49esimo Trofeu Taronja. Decisivo l’errore di Krunic.Pioli parte con Maignan fra i pali, Conti e Ballo-Tourè […]

[…]

Top News

Per Intesa Sanpaolo conti in crescita, nuovo piano quadriennale

4 Agosto 2021 0
TORINO (ITALPRESS) – Intesa Sanpaolo chiude il semestre con tre miliardi di utile, l’obiettivo di arrivare almeno a quattro a fine anno e salire fino a cinque miliardi per tutto il 2022. L’anno prossimo è anche quello del nuovo piano industriale quadriennale, cui il Ceo Carlo Messina sta lavorando. Una boccata d’ossigeno fondamentale per i […]

[…]