Crisi Sidigas, dipendenti preoccupati per il futuro: la denuncia dell’UGL Chimici

“I lavoratori del gruppo Sidigas sono sempre piu’ preoccupati per il loro futuro. A nulla è valso l’incontro con i vertici, dal quale, è emersa una sola ed incompleta certezza, la cessione della societa'”.

È quanto denuncia Massimiliano Zirpolo, coordinatore provinciale Ugl Chimici, in merito all’incontro del 26 giugno scorso, convocato dai vertici societari per discutere dell’evoluzione economica, giuridica ed organizzativa del gruppo Sidigas.

“La posizione mantenuta dalla società – precisa Zirpolo – anche in questa ultima riunione, evidenzia in modo chiaro ed inequivocabile la volontà di accelerare la cessione del ramo di azienda, mettendo i lavoratori di fronte al fatto compiuto.

È altrettanto chiara la volontà di concludere l’operazione di trasferimento societario in una situazione di totale opacità, senza alcuna chiarezza sulle prospettive di ogni singolo lavoratore.

E’ significativo rilevare – prosegue il sindacalista- l’assenza (nella recente riunione) di un serio confronto con i sindacati, in particolare con la nostra sigla che tanto sta premendo affinché si faccia luce su ogni scelta legata al futuro della società”.

Ultimi Articoli

Top News

Superlega dimezzata, lasciano i club inglesi

21 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – I club fondatori della Superlega, annunciata domenica sera, si sono già dimezzati dopo le forti pressioni del mondo dello sport e della politica. A meno di 48 ore dall’annuncio del rivoluzionario torneo, cinque club inglesi su sei (manca solo il Chelsea che lo dovrebbe ufficializzare a breve) hanno lasciato la neonata Superlega. […]

[…]

Top News

Superlega in bilico, club inglesi e spagnoli in dubbio

20 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Le forti pressioni del mondo dello sport e della politica fanno già vacillare la Superlega. A meno di 48 ore dall’annuncio del nuovo progetto che potrebbe rivoluzionare il calcio europeo, alcuni dei 12 club fondatori avrebbero manifestato i primi dubbi. In particolare quattro società inglesi potrebbero rispondere con un clamoroso dietrofront alle […]

[…]