Carenza trasporti e spazi di aggregazione: studenti in piazza

AVELLINO – Oggi circa 100.000 studenti sono scesi in piazza in tutta Italia per rivendicare finanziamenti alla scuola pubblica, all’edilizia scolastica e una legge quadro nazionale sul diritto allo studio. Anche in Campania migliaia di studenti sono scesi in piazza (25.000 a Napoli) ottenendo la convocazione immediata della conferenza regionale sul diritto allo studio e di un consiglio regionale concentrato sempre sullo stesso tema.
Anche ad Avelino centinaia di studenti sono scesi in piazza per rivendicare un servizio di trasporti efficiente, e spazi di aggregazione all’interno di una città che è sempre più distante dalle esigenze giovanili. Tante sono state le tematiche affrontate durante il corteo: dalla questione ambientale, con l’opposizione al biocidio e la richiesta di bonifica della terra dei fuochi, a quelle internazionali, esprimendo la nostra solidarietà ai morti di Lampedusa e chiedendo l’abrogazione della Bossi-Fini, alla lotta alla criminalità organizzata e ad ogni forma di omofobia e xenofobia. Anche la centralità del tema dei trasporti è stata ribadita in parecchi interventi: inumana è la condizione che si trovano a vivere centinaia di studenti provenienti dalle periferie ed è impensabile affidare intere tratte ad enti privati.
Il corteo è terminato nella piazza antistante il comune, dove sono proseguiti gli interventi e dove, mentre una delegazione si apprestava ad incontrare il vice-sindaco La Verde e l’assessore alla cultura Cignarella, gli studenti sono rimasti a suonare djembe e a giocare con dei super santos, esprimendo provocatoriamente il proprio dissenso nei confronti delle ordinanze di presentazione di questa amministrazione, apparse repressive e limitanti, per la mancanza di un’offerta di un’alternativa reale per i giovani di questa città.
“Ci possiamo ritenere solo parzialmente soddisfatti dell’incontro tenutosi oggi.” – dichiara Luca Cioffi, coordinatore provinciale dell’UdS Avellino – “L’amministrazione ha dimostrato di tenere a cuore molte delle tematiche che portavamo in piazza, e si è impegnata a realizzare in brevi tempi il forum dei giovani e lo sportello “InformaGiovani” nella nostra città. Divergenze sono apparse invece sul tema degli spazi. L’amministrazione si è resa da una parte disponibile a realizzare insieme progetti e iniziative per i giovani, non comprendendo quale sia però la nostra reale idea di spazio di aggregazione: uno spazio fisico permanente di costruzione di cultura, aggregazione, creatività e saperi gestito dalla cittadinanza e per la cittadinanza, che potrebbe rappresentare un elemento di grande crescita per questa città. Durante il movimento di occupy abbiamo dimostrato che realizzarlo è possibile, e il nostro lavoro non finisce qui. Continueremo a tenere l’attenzione alta e a fare pressioni affinché Avellino diventi una città per giovani, e non l’ospizio della Campania”.

Ultimi Articoli

Attualità

Covid in Irpinia: 14 casi

6 Dicembre 2021 0

L’Azienda Sanitaria Locale comunica che, su 168 tamponi effettuati, sono risultate positive al Covid 14 persone: – 1, residente nel comune di Ariano Irpino; – 1, residente nel comune di Atripalda; – 1, residente nel […]

Baiano

In possesso di cocaina e hashish, denunciato 30enne

6 Dicembre 2021 0

Continua incessante l’opera di prevenzione e repressione in ordine al contrasto di attività illecite legate al fenomeno dell’uso e spaccio di sostanze stupefacenti. In tale contesto, un’altra attività è stata condotta dai Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile […]

Politica

Il sindaco e la sindrome De Luca

6 Dicembre 2021 0

Bisogna ammettere che il sindaco di Avellino ha ragione quando denuncia un eccesso di critica sull’operato della sua amministrazione. Dovrebbe essere evidente che i problemi della città sono tali e tanti che nessuno può ancora […]