‘Buchi neri’ a 31 anni dal sisma, Galasso: “Colpa dei privati”

A 31 anni dal terremoto dell’Irpinia, in città la ricostruzione non è ancora terminata. “Ci sono ancora buchi neri ma si tratta di proprietà in mano ai privati che nonostante le nostre svariate sollecitazioni non prendono iniziativa” ha tuonato il sindaco di Avellino, Giuseppe Galasso, che aggiunge: “Per quanto ci riguarda stiamo svolgendo un lavoro proficuo se si pensa che per gli istituti scolastici siamo stati tra i primi comuni ad aver attuato la messa in sicurezza degli edifici. Anche per le abitazioni è stato eseguito un’accurato screening sugli edifici costruiti tra gli anni 50 e gli anni 80. Inoltre stiamo cercando di sostituire i fabbricati pesanti esistenti, ma le difficoltà in questo caso derivano dalla sistemazione delle persone in altri fabbricati”. A seguire la videointervista integrale al sindaco di Avellino.

Ultimi Articoli

Attualità

Un ulivo per Chiara, vittima del Covid a 17 anni

3 Dicembre 2021 0

A distanza di un anno dalla scomparsa di Chiara Vittoria, la più giovane vittima del Covid-19 in Irpinia, i genitori della 17enne di Avella ricorderanno la cara figlia piantando un ulivo nell’aiuola di fronte al […]