Agenti penitenziari, scatta lo stato di agitazione

Agenti penitenziari, scatta lo stato di agitazione

“Il sistema penitenziario, nonostante si susseguono da anni denuncie e proteste di ogni genere, attraversa uno stato di crisi senza soluzione rispetto anche all’attuale situazione politica”. Così esordisce la lettera redatta da Pasquale Montesano, segretario nazionale dell’O.S.A.P.P. (Organizzazione sindacale autonoma polizia penitenziaria) indirizzata alle autorità competenti. “L’Amministrazione Penitenziaria a tutti i livelli, – si legge nella missiva – non è riuscita a garantire un’organizzazione al passo con i tempi, una gestione omogenea ed imparziale in particolare per il Corpo di Polizia Penitenziaria. L’assenza di volontà e l’incapacità di proporre un progetto complessivo di gestione, ha reso precario e frammentario l’intero sistema. La sorda chiusura al confronto dell’autorità politica del Ministero della Giustizia in tema di organici e una constatata riluttanza al dialogo con le OO.SS., ha finito di paralizzare ogni iniziativa tesa a far uscire dall’emergenza il sistema penitenziario. Il sovraffollamento degli istituti, in continua e preoccupante ascesa, determina carichi di lavoro insopportabili, una situazione dinamica che, al contrario, diventa statica in materia di piante organiche. La sommaria determinazione delle piante organiche della Polizia Penitenziaria, per noi inadeguate, ha definito una distribuzione del personale irrazionale e avulsa dalle reali necessità Tanto che, per far fronte alle costanti esigenze che, affrontate sempre in ritardo, diventano emergenze, il ricorso a provvedimenti di distacco” provvisorio” da istituti di una regione all’altra e all’interno della regione stessa, da un servizio all’altro (istituti/ GOM) e da istituti a servizi di ogni genere, è diventata prassi quotidiana con il consequenziale scadimento e depauperamento dei servizi d’istituto in senso lato , oltre a costituire elemento di notevoli carichi di lavoro e rischio. Si è cosi instaurato un sistema che determina un movimento incontrollato e incontrollabile di personale che dissangua il servizio istituzionale negli istituti di risorse umane indispensabili, irrazionalmente aumentano i disagi e le sofferenze per gli operatori di Polizia Penitenziaria ai quali, peraltro, molto spesso non vengono neanche corrisposti i compensi per lavoro straordinario e le varie indennità accessorie e i servizi di missione per gli N.T.P. nei termini previsti”.
La missiva del segretario nazionale dell’O.S.A.P.P. si conclude con l’affermazione: “nell’interesse di tutti i Poliziotti Penitenziari, non ci rimane altro che tentare di forzare tale blocco attraverso la via della mobilitazione e della protesta pubblica, proclamando lo stato di agitazione del personale di Polizia Penitenziaria nella Regione Campania che sarà seguito da una serie di iniziative pubbliche, per rendere partecipe l’autorità politica del dicastero della giustizia e gli organi governativi sulle condizioni di vivibilità del personale di Polizia Penitenziaria di Napoli e Provincia e di tutta la Regione Campania. Per quanto fin qui rappresentato rimettiamo il tutto alla competenza delle SS.VV. per un intervento ai vertici dell’Amministrazione Penitenziaria ed ai responsabili politici del settore”.

Ultimi Articoli

Top News

Covid, Zaia: “Impennata per variante inglese, Veneto resta modello”

10 Gennaio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – La diffusione del ceppo inglese e di due varianti autoctone del Coronavirus sono “il fattore x” che in Veneto ha fatto impennare la curva epidemiologica nelle ultime settimane, fino a un “30-40% in più rispetto ai picchi di marzo”. Lo afferma il governatore della Regione Veneto Luca Zaia, in un’intervista al quotidiano […]

[…]

Top News

Renzi “Se Conte va in aula fa un errore”

10 Gennaio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Il governo è immobile: si vive di rinvio in rinvio. Vogliamo sciogliere i tanti nodi aperti, dalle infrastrutture ai soldi per la sanità. Vogliamo chiarezza su scuola, cultura, lavoro. Questo abbiamo chiesto al premier con lettere, sms, documenti, riunioni. La risposta è stata sprezzante e sorprendente: ci vedremo in Parlamento, ha detto […]

[…]

Top News

Il Milan torna subito a vincere, Torino battuto per 2-0

9 Gennaio 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – Il Milan volta pagina dopo la prima sconfitta in campionato contro la Juventus e inguaia il Torino. A San Siro i rossoneri mettono pressione all’Inter, impegnata domenica nel lunch match con la Roma, con un 2-0 che rispedisce i granata nelle ultime tre posizioni della classifica. Il Diavolo prende subito il comando […]

[…]

Top News

Conte “Lavoro per rafforzare coesione e solidità squadra”

9 Gennaio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Sto lavorando anche a rafforzare la coesione delle forze di maggioranza e la solidità della squadra di governo. Senza queste premesse diventa arduo perseguire obiettivi che richiedono piena dedizione e acuta lungimiranza. E non consentono distrazioni, per rispetto dei cittadini e del momento che stiamo vivendo”. Così, in un post su Facebook, […]

[…]

Top News

Zajc e Destro in gol, Genoa batte Bologna 2-0

9 Gennaio 2021 0
GENOVA (ITALPRESS) – Il nuovo Genoa di Ballardini non si ferma e conquista il settimo punto in quattro partite. Il Bologna di Mihajlovic non sa più vincere e rischia di essere risucchiato dalla lotta salvezza. Al Ferraris vince il Genoa per 2-0 grazie alle reti di Zajc e di un ritrovato Mattia Destro, al sesto […]

[…]

Top News

In Sicilia da lunedì Messina e altri due comuni “zone rosse”

9 Gennaio 2021 0
PALERMO (ITALPRESS) – I Comuni di Messina, Ramacca e Castel di Iudica da lunedì 11 gennaio saranno “zona rossa”. Lo prevede un’ordinanza del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, appena pubblicata. Il provvedimento, preso d’intesa con l’assessore alla Salute Ruggero Razza – viste le relazioni delle Asp di Messina e Catania e sentiti i sindaci […]

[…]