Acqua pubblica, in primavera si voterà per il referendum

“Elezioni permettendo in primavera si voterà per il referendum sull’acqua pubblica” – inizia così una nota del Prc di Cervinara sulla questione della gestione dell’acqua pubblica. “La Corte Costituzionale – continua la nota – ha ammesso due quesiti referendari proposti dai movimenti per l’acqua. In primavera gli uomini e le donne di questo paese decideranno su un bene essenziale. La vittoria dei “sì” porterà a invertire la rotta sulla gestione dei servizi idrici e più in generale su tutti i beni comuni. La mancata ammissione del quesito n. 2, non toglie nulla alla battaglia per la ripubblicizzazione dell’acqua e rimane identica con tutta la sua valenza politica.
Esprimiamo grandissima soddisfazione perché la Corte costituzionale mantiene inalterato l’impianto generale della nostra campagna. La Consulta ha, infatti, ammesso il primo e il terzo dei tre quesiti del Forum. Si tratta del quesito che abroga interamente la legge Ronchi che sostanzialmente permette ai privati di accedere in maniera preponderante alla gestione dei servizi pubblici locali, da quello per l’acqua. Il primo quesito si sposa perfettamente anche con il terzo che è quello che punta all’abrogazione del comma 1, dell’art. 154 del cosiddetto “decreto ambientale” del 2006, che prevede la remunerazione fissa per legge – e in una misura piuttosto corposa (il 7%) – del capitale investito dai privati nella gestione dei servizi pubblici. Lo slogan referendario è stato “Fuori l’acqua dal mercato, fuori i profitti dall’acqua”, ed ora abbiamo la possibilità di realizzare entrambi gli obiettivi. Abolendo il decreto Ronchi, infatti, s’impedirà ai privati di impossessarsi del servizio pubblico e abolendo la remunerazione del capitale investito, garantita per legge e fissata indelebilmente sulla bolletta, s’impedirà ai privati di fare profitti sull’acqua. Vogliamo vedere chi s’inserirà in un simile mercato senza avere certezza di fare utili in ogni caso.
Gli effetti del referendum, in caso di vittoria, sarebbero senza dubbio dirompenti. Innanzitutto, si bloccherebbero manovre, come quella in corso in diverse città di mettere il servizio pubblico nelle mani di società private. Con la vittoria del terzo quesito, poi, si potrebbe verificare anche una fuoriuscita dei privati dalle attuali società miste pubblico-privato.
Ora, consideriamo aperta la campagna elettorale”.

Ultimi Articoli

Calcio Avellino

Avellino, il Bari scappa: devi solo vincere

27 Novembre 2021 0

E dopo che il Bari capolista non è scivolato sulla buccia di banana, regolando il Latina al San Nicola e portandosi a +12 sui Lupi, per l’Avellino quello che era già imperativo diventa inevitabilmente categorico: […]

Attualità

Covid in Irpinia: 39 positivi

27 Novembre 2021 0

L’Azienda Sanitaria Locale comunica che su 822 tamponi effettuati sono risultate positive al Covid 39 persone: – 1, residente nel comune di Altavilla Irpina; – 5, residenti nel comune di Ariano Irpino; – 6, residenti […]

Aiello del Sabato

Violazioni in materia di armi: denunciati padre e figlio

27 Novembre 2021 0

I Carabinieri della Stazione di Aiello del Sabato, nell’ambito dei servizi finalizzati al controllo del rispetto della normativa in materia di armi e munizioni ai sensi del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, hanno […]

Attualità

Covid in Irpinia: 72 casi. 9 ad Avellino

26 Novembre 2021 0

‘Azienda Sanitaria Locale comunica su 1.069 tamponi effettuati sono risultate positive al Covid 72 persone: – 2, residenti nel comune di Aiello del Sabato; – 4, residenti nel comune di Altavilla Irpina; – 2, residenti […]