Atripalda, la città dei veleni e il ruolo degli Spagnuolo: la denuncia di Caputo

Duro intervento dell’ex consigliere comunale d’opposizione, Luigi Caputo, nei confronti degli Spagnuolo: un affondo del rappresentante di Rifondazione Comunista nei confronti del sindaco attuale e di quello precedente che ora ricopre il ruolo di capo dell’opposizione.

Ecco la denuncia di Caputo:

No, nemmeno l’inchiesta della Procura della Repubblica ha fatto il “miracolo”: la terra dei fuochi irpina rimane arrgomento tabù  per il Consiglio comunale di Atripalda, il principale centro della valle del Sabato, quello a cui competerebbe assumere,  come e più  che ad altri, un ruolo propulsivo riguardo alla questione dei veleni che imperversano sul  territorio.  Se ne può  parlare sui media, anche nazionali, ma non nelle sedi istituzionali. Lo hanno decretato il sig. Spagnuolo e la sua maggioranza,  con la complice passività del gruppo dell’altro Spagnuolo,  Paolo.  Il sopire e troncare di manzoniana memoria non avrebbe potuto trovare rappresentazione più  efficace.

Non una discussione (ma vogliamo scherzare?),  ma nemmeno un’informativa,  un telegramma,  una … velina,  sullo studio di biomonitoraggio ambientale disposto dalla Regione (progetto “Spes”) ,  che ha evidenziato la presenza,  non solo  nell’aria ma nel sangue dei volontari sottopostisi ai prelievi,  di massicce quantità  di diossina,  metalli pesanti e veleni vari. Lo scorso 30 giugno  nella sala consiliare  di Atripalda, si è  discusso di tutto,  ma non dell’argomento che per questo territorio è  il tema dell’ anno (e,  temiamo,  anche dei prossimi). Ma perché  tanta ostinata reticenza? Forse perché  un dibattito sulla crisi ambientale avrebbe inevitabilmente comportato l’obbligo di  rendere conto della  politica comunale nel settore ( inesistente), di riferire sull’attività svolta da questa amministrazione per bonificare il Sabato ( anche qui il nulla assoluto),  per non parlare poi del contrasto all’ inquinamento atmosferico (di fatto incentivato,  con l’eliminazione,  fino a qualche mese fa,  di qualsiasi dispositivo di misurazione). Forse anche perché a G. Spagnuolo e soci la dimensione locale in fondo  sta stretta. Essi preferiscono  vestire i panni di cavalieri dell’ideale e dedicarsi a progetti di dimensione planetaria. Non si curano molto della nostra salute, però quando si tratta di salvare la Terra non vogliono essere secondi a nessuno. E così qualche mese fa hanno portato in Consiglio,  e approvato, niente che meno che la dichiarazione di EMERGENZA CLIMATICA.  Bella figura assicurata e nessun fastidio. Ambientalismo morbido e  a costo zero,  insomma.

Intanto però,  tra polveri ( sottili) e metalli ( pesanti), si succedono i nostri anni di piombo ( in senso letterale e non metaforico), con la speranza di non avanzare a tappe forzate verso la stirpe del ferro, quella  che,  secondo il poeta Esiodo, conduce una vita breve, stentata e grama,  prima dell’estinzione.

Ultimi Articoli

Attualità

Corriere dell’Irpini­a: in edicola l’Annuario 2021

7 Gennaio 2022 0

Domenica in edicola l’Annuario 2021 del Corriere dell’Irpini­a. Il racconto dei fatti che hanno segnato l’­anno con il commento di studiosi, giornalisti, scritt­ori, le interviste ai protagonisti del mondo della politica, della cul­tura, della società […]

Attualità

Covid in Irpinia: 151 positivi

7 Gennaio 2022 0

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 961 tamponi effettuati sono risultate positive al Covid 151 persone: – 1, residente nel comune di Altavilla Irpina; – 1, residente nel comune di Aquilonia; – 2, residenti nel comune […]

Cronaca

Trovato morto noto ristoratore di Monteforte Irpino

7 Gennaio 2022 0

Dramma a Monteforte Irpino dove il proprietario di un noto ristorante è stato trovato morto nella cucina dell’attività di famiglia. Sono stati i dipendenti a scoprire il corpo senza vita dell’uomo di 53 anni. A […]