Acqua non potabile ad Avellino, il Pci: “De Stefano ed il cda Alto Calore si dimettano”

Acqua non potabile ad Avellino, la sezione cittadina del Partito Comunista Italiano chiede le dimissioni – immediate – del presidente dell’Alto Calore Raffaello De Stefano e dei componenti il consiglio di amministrazione dell’ente, Maria Lucia Chiavelli e Gabriella del Paradiso, “per manifesta incapacità dimostrata nella gestione di un servizio pubblico essenziale”.

“Il disastro determinato è sotto gli occhi di tutti, si legge in una nota del Pci. I cittadini utenti di Avellino e dell’intera provincia in questi mesi ed anni hanno dovuto subire una serie incredibile di disservizi, alcuni dei quali anche gravi, come la sospensione dell’erogazione idrica reiterata e continuata, non solo nei mesi estivi, ma anche in quelli invernali.  Nella pur accidentata storia dell’Alto Calore non era mai stato raggiunto un simile livello di inefficienza. Ma sembra proprio che non vi sia limite al peggio. Nella città capoluogo infatti viene persino erogata acqua non potabile, esponendo gli abitanti delle zone coinvolte a disagi e rischi. Non possiamo, inoltre, non sottolineare che questa emergenza è stata gestita male sia dall’Alto Calore, che dal Comune di Avellino, la cui amministrazione conferma di non essere in grado di andare oltre un approccio burocratico ai problemi”.

“Il Comune avrebbe dovuto fornire ai cittadini notizie più precise e chiare, con l’indicazione dei comportamenti da tenere per la salvaguardia della loro salute e del loro benessere. Le modalità superficiali con le quali invece è stata affrontata la vicenda sta creando soltanto confusione ed ingenerando comprensibile preoccupazione tra i residenti nelle zone coinvolte. Chiediamo pertanto che si ponga rimedio a questa situazione con interventi adeguati, giungendo più rapidamente possibile alla risoluzione del problema. I disservizi e le incapacità amministrative che sempre più spesso emergono nelle istituzioni pubbliche irpine sono il frutto avvelenato di una concezione della politica che non mette al centro il cittadino e la comunità, ma soltanto gli interessi di bottega, per la sopravvivenza di un ceto politico autoreferenziale e parassitario, che impedisce al nostro territorio di crescere e addirittura lo sta condannando ad uno spaventoso arretramento”.

 

Ultimi Articoli

Attualità

Scuola: il Tar sospende l’ordinanza di De Luca

10 Gennaio 2022 0

Il Tar ha sospeso l’ordinanza con la quale la Regione Campania ha disposto la didattica a distanza fino al 29 gennaio in tutte le scuole dell’infanzia, elementari e medie del territorio per criticità legate alla […]

Attualità

Corriere dell’Irpini­a: in edicola l’Annuario 2021

7 Gennaio 2022 0

Domenica in edicola l’Annuario 2021 del Corriere dell’Irpini­a. Il racconto dei fatti che hanno segnato l’­anno con il commento di studiosi, giornalisti, scritt­ori, le interviste ai protagonisti del mondo della politica, della cul­tura, della società […]